Wolfram Alpha, il “nuovo motore di ricerca” è online

Wolfram Alpha - www.wolframalpha.com

Home Page di WolframAlpha.com

Annunciato da molti come l’ennesimo anti-Google, è online da qualche ora Wolfram Alpha.

Un motore di ricerca non in senso stretto, perché è nel web ma non cerca sul web.

Effettuando una richiesta, la query viene elaborata da Wolfram che, spulciando nel suo ricco database di informazioni, cerca di formulare una risposta strutturata contenenti dati e grafici.
Il risultato finale è molto simile agli specchietti riassuntivi presenti nel lato destro delle pagine di Wikipedia.
Il funzionamento invece richiama quello dei vari bot intelligenti (es. Doretta) che all’interno delle chat forniscono risposte e servizi in seguito ad una richiesta discorsiva.

Un funzionamento che ha dunque poco a che fare con la classica ricerca web di Google.

Dalle primissime impressioni, però, Wolfram lascia trasparire una certa impreparazione. C’è da tener conto che si tratta di un progetto in fase di test.

Google, consapevole dell’importanza che potrà avere in futuro l’elaborazione di dati strutturati, ha bruciato i tempi inserendo da qualche giorno nella propria ricerca web un elaboratore di dati pubblici.
Un servizio molto simile a quello offerto da Wolfram, per schiacciare qualsiasi rischio di concorrenza.

I cosiddetti motori anti-Google annunciati nel corso degli anni sono tanti, ma nessuno è riuscito davvero a scalfire l’egemonia di big G. Fatta eccezione per il predominio di Baidu in un mercato particolare come quello asiatico. Tra motori di ricerca fallimentari meritano la citazione Cuil scivolato nell’oblio e l’europeo Quaero.

Sarà ancora una volta un fallimento?
Tra un anno secondo voi si ricorderà nessuno di Wolfram Alpha?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *